Il Vangelo di domenica 16 giugno

Il Vangelo di domenica 16 giugno

Vangelo di Giovanni 16,12-15

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Breve commento

Oggi nel vangelo Gesù ci dice: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità». Ecco, c’è bisogno di un passo ulteriore, nuovo; ci vuole un altro maestro che dall’interno del nostro cuore e della nostra intelligenza ci faccia capire e gustare tutte le parole che Gesù ci ha detto: «Prenderà del mio e ve lo annunzierà».
San Paolo dirà che grazie allo Spirito santo noi arriviamo ad avere «il pensiero di Cristo» (1Cor 2,16), la comprensione che Gesù ha di Dio, e quindi lo stesso suo rapporto filiale con il Padre.
Dal Calendario del Patrono d’Italia, edizioni biblioteca francescana